Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/158

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


Quel vostro pedantismo assae me stracca,
    O a meggio dir i me cogioni secca,
    Quella vostra moral sì dura, e secca,
    4Per dirve el ver, me fà vegnir la caeca;

Che Vecchio sìa non me n'importa un Acca,
    Se ancor me serve molto ben la Becca,
    Se abil no me credessi a cotal pecca,
    8Retroveme pur vù qualche Tambracca.

Aver mi no vorrìa la vostra zucca,
    Che un Vecchio stimo più, che ancor la stica,
    11D'un Zovene, che mena vita cucca;

Cuore ghe vuol a spender le bajocca,
    Nè val bellezze per goder la Fica,
    14Che in ancuò chi fà el bello no và in cocca.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/158&oldid=60678"