Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/157

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO I LAMENTI DELL'AUTORE.


SONETTO


Se lagna, e se scontorze un certo tal,
    E trà lù crìa, e nol ghe arriva a segno;
    Parerìa, che sto tal no avesse inzegno
    4De lamentarse, o aversene per mal.

Ogni Donna ricerca un bon Cotal,
    Ma un Cotal, che sia duro, come legno,
    Se tal fusse stà el vostro, mi m'impegno,
    8Che chiavà l'avaressi, e da badial.

Leze vù la chiamè barbara, e dura,
    E rason no gavè da dir un Acca,
    11Quando vù sè mancante in la Natura.

Sto Mondo vù trattè in altra misura;
    Lassè sta vostra idea sì storta, e stracca,
    14Che bona Mona vuol Cappella dura.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/157&oldid=60677"