Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/156

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONSEGGI AVUTI NELLA PENDENZA MEDESIMA.


SONETTO


Ancora, amici, la gran lite pende,
    Nè mai gò bù della vittoria 'l frutto,
    La me catta dei radeghi per tutto,
    4E a parlarghe d'accordi no la intende.

Mo, che gran buzarona! la pretende,
    Che mi abbia da restar a muso sutto,
    E dopo, che per ella son destrutto,
    8Fin un provisional la me contende.

Co un prottesto secreto la vien vìa,
    Che in gnessun tempo, e liogo no sperasse
    11Con ella da sborar in vita mia.

All'Avocato, che 'l me consegiasse
    Gò domandà, e cosa lu 'l farìa,
    14E lù m'hà consegià, che mel menasse.