Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/155

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NIOVO RICCORSO, APPELLAZION, E PATTI.


SONETTO


Credeu, amici, che con tutto'l Spazzo,
    Ch'hà giudicà, che 'l Culo la me daga;
    Abbia podesto mai far, che la caga
    4Qualcosa per sollievo del mio Cazzo?

Mo nò per Dìo! M'ha convegnù, gramazzo,
    Ch'un'altra volta un Avocato paga,
    E che fazza un consulto, acciò che 'l vaga
    8Per implorar della Giustizia el brazzo.

Dal Giudice hò impetrà un comandamento,
    E 'l me l'hà dà con sospension in pena,
    11Co subito in tel Cul no la'l tiol drento.

La s'hà appellà, ma per no far più scena
    Go fatto dir in via d'aggiustamento,
    14Che rinunzio ogni azion, co la mel mena.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/155&oldid=60675"