Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/128

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Se fusse vero quel, che dise tanti,
    Che senza corpo anca de là se pensa,
    Mi me vorrìa con allegrezza intensa
    4Consolar, che sè fuora de sti pianti.

Ve dirìa, che nù semo tutti quanti
    Miseri senza un ben, che ne compensa;
    Ma vù tornad'in la materia immensa
    8Sè in quella pase, dove gieri avanti;

E a mi de vù me diol, nò solamente,
    Che 'l vostro corpo sia da nù diviso,
    11Ma anca me diol, perchè no sè più gnente;

Che, se fussi qualcosa, qualche avviso,
    Sò certo, me daressi fedelmente,
    14Se hò scrito ben intorno al Paradiso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/128&oldid=60663"