Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/119

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MONA LEVA OGNI PENSIER.


SONETTO


Chi dise accidental combinazion
    Esser sto Mondo, e che l'anema mora,
    Chi in tutti i Dei de varo crede ancora,
    4Chi in do principj uno cattivo, e un bon.

Chi al non nato Messìa gà devozion,
    Chi Calvin stima, e chi Lutero onora;
    Chi'l Sol, chi piante, chi elementi adora,
    8Chi vuol Maometto, e chi l'Incarnazion.

Chi ammette el Pittagorico sistema,
    Chi al proceder del terzo se fà brutto,
    11Chi alle cause seconde no perdona;

Ma 'l Baffo, ch'in ste buzare no hà flema,
    Per sbrigarse alla prima el nega tutto,
    14E glorioso, e trionfante el corre in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/119&oldid=60658"