Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/118

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONOSCE L'ESISTENZA QUANDO FOTTE.


SONETTO


D'esser solo a sto Mondo mi gò in testa,
    E che fuora de mi gnente ghe sìa,
    E cussì co sta bella fantasìa
    4Mi me la passo, e gnente me molesta.

In sta maniera stago sempre in festa,
    Perchè gnente no gò de fuora vìa,
    Che possa desturbar la mente mìa;
    8Me parlo, e me respondo sù alla presta.

De gnente sicurezza mi no gò,
    Ch'esista 'l Ciel, la Terra, ogni persona,
    11Ma che mi solo esista, altro no sò.

Sto pensier in tun caso me cogiona;
    E saveu, quando credo siemo in dò?
    14Allora quando son col Cazzo in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/118&oldid=60657"