Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DOPO SPECULATO RISOLVE.


SONETTO


Come chi stà per veder qualche festa
    Stago al balcon del Mondo dei gran pezzi,
    E vedo quei, che xe pieni de bezzi,
    4Che per el più i xe poveri de testa.

Vedo pò de chiettini una tempesta,
    Che crede tanti, e tanti gran strambezzi,
    Che se'l Cazzo ghe tira, e ghe và in pezzi,
    8Piuttosto, che menarselo, i lo pesta.

Dago pò l'occhio sora sti Fratoni,
    Che magna a spalle nostre, e ne cogiona
    11A forza d'indulgenze, e de perdoni.

Co gò visto sta zente buzarona,
    Me tiro drento, e serro sù i balconi;
    14E saveu dove vago? vago in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/120&oldid=60659"