Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/117

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Cartesio quel filosofo eccellente,
    Che tanto in te le cose andava drento,
    L'hà fatto quel bellissimo argomento
    4Contro quei, che credeva d'esser gnente.

Perchè mi, co me passa per la mente,
    Che mai no stago ben, che mal no sento,
    No posso aver l'istesso sentimento,
    8Come l'hà fatto lù con quella zente?

Lù hà dito, penso, donca mi ghe son,
    Che a chi no ghè 'l pensar no s'appartien,
    11E chi s'oppone a questo xe un cogion.

Mi vado avanti, e credo de dir ben,
    E ghe ne cavo doppia conclusion;
    14Mi son in Mona, donca stago ben.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/117&oldid=60656"