Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/116

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CERTA ESISTENZA DELL'OMO.


SONETTO


Delle volte me passa per la mente,
    Come anca un dì ghe xe passà a Piron,
    Ch'ogni cosa sia un'ombra, un'illusion,
    4E che mi stesso al Mondo no sia gnente;

Ma dopo con Carcesio francamente
    Fazzo anca mi la mia argomentazion,
    E digo; penso, donca mi ghe son,
    8E con mi ghe xe tutta l'altra zente;

Sto filosofo in fatti ha dito ben,
    Nè occorre farghe suso altro comento,
    11Che a chi no ghè 'l pensar no s'appartien.

Mi vago avanti, e cresso l'argomento,
    Che non solo ghe son, ma stago ben,
    14Quando in Mona, o nel Cul mi ghe son drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/116&oldid=60655"