Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/113

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER EL PRINCIPIO DELL'ANNO.


SONETTO


L'anno niovo, bisogna confessarse,
    Tempo è da dir, peccavi, e me ne pento,
    D'avanti a qualche Frate in t'un Convento
    4Andar con devozion a inzenocchiarse;

Ch'avemo da morir arrecordarse,
    Non investir mai più cinque per cento,
    In sporchi Inferni più non andar drento,
    8Da Concubine alfin allontanarse.

Far conto, che sia 'l tempo della peste,
    Sui confini far metter sù 'l restello,
    11E anca andar poco dalle Donne oneste,

L'amigo praticar, come fradello,
    E far del ben, santificar le feste,
    14E tior in man nome a pissar l'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/113&oldid=60652"