Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/110

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA L'INEGUAGLIANZA DELL'ANEME.


SONETTO


De Platon la dottrina giera questa,
    Che l'aneme no fusse tutte eguali,
    Ma quelle sole sarìa stà immortali,
    4Che giera dei filosofi in la testa.

El diseva, che chi fà sempre festa,
    Che no pensa, che a cose materiali,
    Che queste muor come, che fà i coccali,
    8E in le cose, ch'i pensa, ancora i resta.

Se sta bella opinion la fusse vera,
    Come che mi no penso, che alla Dona,
    11E che per ella vivo volintiera,

Vede la conseguenza ogni persona,
    Che se in Mona starìa mattina, e sera,
    14Co sarò morto resterò 'na Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/110&oldid=60649"