Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/111

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RIFFLESSO, E RISOLUZIONE.


SONETTO


Son tanto stracco, e sazio della Dona,
    E de dar ogni tanto 'na chiavada,
    Che gò paura de restar per strada,
    4O de lassar el Cazzo in qualche Mona.

Temo, che a far sta vita buzarona
    Me fazza 'l mio nemigo 'na imboscada,
    Che 'l me daga 'na pacca buzarada,
    8Che no me vagia più dir la corona.

Ma, se mi me retiro in t'un canton,
    La vita poderò forse slongar,
    11Ma la sarà una vita da cogion.

Eh vìa, che no ghe voggio più pensar!
    No ghè chi muor da un colpo de cannon?
    14Mi voi morir a forza de chiavar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/111&oldid=60650"