Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


COL VANGELO SE FOTTE LE CHIETTINE.


SONETTO


Sentì mo, che bell'arte, e che dottrina,
    Ch'hò doperà per far un colpo belo,
    Me son servìo d'un testo del Vangelo
    4Per farlo tior in Mona a 'na Chietina.

Me xe vegnù sta ispirazion divina
    De dirghe, ch'i farà 'na festa in Cielo,
    Se la tiorrà in ancuò da mì l'Oselo,
    8E la se pentirà pò dimattina.

Co l'hà sentìo cussì, la me l'hà dada,
    E pò l'è corsa zoso della scalla,
    11E a confessarse subito l'è andada;

Da quella volta in quà mai no la falla
    De convertirse dopo una chiavada
    14Per far, ch'in Ciel continnuamente i balla.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/109&oldid=60648"