Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/108

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TUTTO FÀ DA PIANZER, FUORCHÈ L'ANDAR IN MONA.


SONETTO


Tutto me fà da pianzer a sto Mondo,
    Me fà da pianzer quelli, che và in Mar
    Che per voler dell'oro accumular
    4I rischia dell'Oceano andar nel fondo.

Me fà da pianzer quel cervello tondo,
    Che se và in t'un Convento a retirar;
    Pianzo per quei, che trema de peccar
    8Per paura d'andar zò nel profondo.

Pianzo a veder quei tanti Magistrati,
    E quei, che porta in testa la Corona,
    11Ch'i fà 'na vita da deventar mati.

Pianzo in summa de qualsesia persona,
    Dei Prencipi, Ministri, e Letterati,
    14E rido solo, quando son in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/108&oldid=60647"