Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° IX.


Ravviva in un momento le persone
    La Potta, e leva i mali, che farìa
    La guerra, la peste, e la carestìa,
    4Se al Mondo no ghe fusse più le Mone.

Per Ella i Rè gà in testa le corone,
    E popolar la fà ogni Monarchìa,
    E no ghe sarìa al Mondo più allegrìa
    8Quando, che no ghe fusse più le Mone.

Donca, co l'è cussì, mi v'asseguro,
    Che sarò sempre amigo della Mona,
    11Finchè poderò aver el Cazzo duro;

E, s'alcun pregà vegnisse da 'na Dona,
    Ua gran cogion sarìa costù, ve zuro,
    14Quando, che 'l recusasse andar in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/107&oldid=60646"