Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/106

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° VIII.


Più, ch'in Potta Real in Concubina
    Se concepisce al Mondo i Gran Sovrani,
    E quest'è un dei maraveggiosi arcani
    4Della Porta dei membri la Regina.

O Venerabil Potta, che raffina
    Sora d'ogn'arte, e scienza i gusti umani;
    Ti ti xe quella, che repara i dani,
    8E che impedisce al Mondo la rovina.

El contaggio, la fame, e l'aspra guerra
    Fà morir ogni dì tante persone,
    11Che senza Zente restarìa la Terra,

Se no fusse l'agiuto delle Mone,
    Che volendo dei Cazzi sulla Terra
    14Ravviva in un momento le persone.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/106&oldid=60645"