Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° VII.


Ch'a so piaser gavea mille, e più Mone
    Qualch'altro Imperadore mi gò letto,
    E che'l stimava più quel bel busetto,
    4Ch'avere in testa soa mille Corone.

Cos'hà fatto Luigi de Borbone?
    El le fava vegnir per so diletto
    Da in cao al Mondo, perchè al so Oselletto
    8Quelle no giera assae della Nazione.

Prencipe, nè Monarca mai ghe stà,
    Che se contenta sol della Regina,
    11Ma chiavar puttane anca lori sà;

E quel genio, che tutti ne strascina,
    Fà pur, che 'l Prencipesco Cazzo và
    14Più, ch'in Potta Real in Concubina.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/105&oldid=60644"