Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/104

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° VI.


Se nò che della Potta 'l gran podere,
    No ghè al Mondo poder, che sia più forte,
    E, se no fusse femena la Morte,
    4Podrìa la Potta el colpo trattenere.

S'una Potta i Dannai podesse avere
    Per divertir el Cazzo in quelle porte,
    Se vedarìa cangià quella gran Corte
    8Nella Reggia del riso, e del piasere.

E, per dirla, se al Mondo no ghe giera
    La Potta stimà tanto da Sansone,
    11El farave ai Filistei ancora guera.

La Potta è stà stimà da Salomone;
    E lù fotteva tanto volintiera,
    14Ch'a so piaser gavea mille, e più Mone.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/104&oldid=60643"