Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° V.


L'impareggiabil Potta in odio avesse
    Qualche antico Filosofo se dise,
    Ma questa è la rarissima Fenise,
    4Che al Mondo mai ghè stà chi la vedesse.

Chi hà la Potta sprezzà, che no gavesse
    Nè Cazzo, nè Cogioni el cuor me dise,
    E credo, che de sotto le camise
    8De meggio far Natura no savesse.

Anca Giove s'hà fatto in piova d'oro,
    E 'l xe vegnudo abbasso dalle sfere
    11Per goder della Mona 'l gran tesoro.

Qual rason ne l'hà fatto a nù vedere
    A traversar el Mar cangià in un Toro,
    14Se nò che della Potta 'l gran podere.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/103&oldid=60642"