Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/102

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° IV.


S'alza da per se stessa la gonnella,
    Co la xe là per farse schiavazzar,
    E coi so sguardi la ve sà invidar,
    4La sìa pur buzarona, oppur Citella.

El xe tutt'un, che la sia brutta, o bella;
    Quando scoverta se ghe puol vardar
    La Porta, che fà 'l Cazzo consolar,
    8Chi è quel, che no ghe ficca la Capella?

No credo, che Xenocrate severo
    Spettacol cussì grando mai vedesse,
    11Che vinto l'averave 'l Nume Arciero,

Perchè avezzo a chiavar frà le do fesse
    De palpitante Cul un occhio nero
    14L'impareggiabil Potta in odio avesse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/102&oldid=60641"