Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO N.° II.


Se al Mondo no ghe fusse più la Mona,
    Cospettazzo de Dìo vorrìa morir,
    Se no podesse andarme a divertir
    4Co qualche Puttanazza buzarona.

No m'importa la sìa 'na Zentildona,
    O che la Dea d'Amor se possa dir,
    Purchè la gabbia sotto del vestir
    8Quattro dei de Potta o marza, o bona.

L'altre cose, che 'l Mondo stima, e addotta,
    Gloria, senno, virtù, desìo d'onore,
    11L'esser prudente in pase, e forte in lotta,

La pietà, la costanza, e fin l'amore
    Della Patrìa, per Dìo, senza la Potta
    14Sol tormento le xe, solo dolore.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/100&oldid=60639"