Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODA L'OSTARIA.


SONETTO


Osservè l'Ostarìa, che bella casa,
    Altro, che la proffessa de Gesù,
    Omeni no se vede andar là sù
    4De quelli, che la Mona ghe despiasa.

Là quella zente la xe tutta invasa
    Dal spirito divin, che i gà bevù,
    E co in estasi i xe, che no i puol più
    8Alle so Dive insina i ghe la basa.

Per quella porta và le Donne sconte,
    E mentre, ch'una vien, l'altra và fuora,
    11Chi xe col so Marchese, e chi col Conte.

Dal tramontar del Sol sin all'Aurora,
    E dall'Aurora insin, che 'l Sol và a monte
    14Se caga, magna, beve, pissa, e sbora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/91&oldid=60636"