Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/80

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIFFERENTE PENSAR TRA PLATON, E L'AUTORE.


SONETTO


Quel gran speculativo de Platon,
    Credendo de far cosa molto bona,
    Che fusse cara all'Omo, e anca alla Dona,
    4Volea delle Mugier la comunion;

E mi sarave ancuò d'altra opinion;
    Che gnanca questa no sarìa cogiona;
    Che credo piaserave a ogni persona,
    8De far del matrimonio proibizion;

Zà da quello, che vedo zorno, e notte,
    Dalla gran libertà, dall'allegrìa
    11Le Donne maridae tutti le fotte;

Manco mal in sta forma ghe sarìa,
    Che le Donne fusse tutte rotte;
    14La leze almanco no se romperìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/80&oldid=60625"