Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/81

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE ECCITÀ A SCRIVER DAL SIBLIATO.


SONETTO


El Dottor Sibiliato1 vuol, che scriva
    Delle buzare grande, co fà case;
    Disendo, che 'l mio stil assae ghe piase;
    4E che lù tanto in alto no l'arriva;

Ma mi per la so scienza franca, e viva,
    E per la nobiltà della so frase,
    Che tutti loda, e che a gnessun despiase;
    8Ghe daria volontiera la mia piva.

Oh! Se podesse unirse la so scienza
    Con le tante gran buzare, ch'hò in testa;
    11Gran frutti nascerìa de sta semenza!

Se podesse accordarse ste campane,
    Come ben sonaressimo da festa
    14In occasion de muneghe, e puttane!

  1. Clemente Sibiliato (1719-1795), abate, poeta e leterato padovan (Nota a cura de Wikisource).
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/81&oldid=60626"