Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/71

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CHI HÀ SÈ, BEVE DA PER TUTTO.


SONETTO


Sento, che ghè qualcun, che se stupisse,
    Che Omeni ghe sia, che và a puttane,
    Col dir, che per el più no le xe sane,
    4E che le 'l fà co quanti ghe capisse.

Tutto và ben, ma chi la sè patisse,
    L'acqua no stà aspettar delle fontane,
    Ma beve anca in t'un fosso pien de rane,
    8Che quella più in quel ponto ghe gradisse.

La puttana ve fà presto contento,
    Oro no ghè, per Dìo, che ben la paga,
    11Quando, che se gà voggia d'andar drento.

Cosa serve aspettar, e che se staga,
    Come tanti cogioni in quel tormento,
    14S'anca la Donna sana, e pissa, e caga.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/71&oldid=60619"