Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/67

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


No podendo soffrir chi me strapazza,
    E m'hà intaccà l'onor con un cartello,
    Voleva vendicarme, e far duello,
    4E co un sfriso segnar sta indegna razza.

Ma co una grattacasa sta bravazza
    Spettacolo de mi la fà in Campiello,
    E zà 'l savè, che la m'hà fatto quello,
    8Che pezo assae xe stà, che la me mazza.

La m'hà grattà da barbara, da fiera;
    Rason, onor xe cose sensitive
    11Da brusarghe a Culìa la Frisolera.

Rispondo per le rime a quel, che scrive,
    Che quantunque grattada in sta maniera
    14Sempre è soggetta a pizza una, che vive.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/67&oldid=60614"