Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODI AL DUCA.


SONETTO


Mi stimo assae sto Duca per le tante
    Gran belle qualità, che lù possiede,
    De generosità lù no ghe cede
    4A qual se sìa Prencipe, e Regnante.

Della musica lù xe vero amante,
    E in questa da maestro lù pressiede,
    E in te la so grandezza ben se vede
    8La cortesìa brillar sempre costante.

Lù benefica el bello, come 'l brutto,
    E no se ghe presenta una persona,
    11Che questa vegna vìa a muso sutto.

Veramente el xe degno de corona,
    Ma quello, che mi stimo sora tutto;
    14Xe questo, che ghe piase assae la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/55&oldid=60605"