Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


STUPORI CONTRO LE DONNE VENEZIANE.


SONETTO


Mi vardo, e me stupisso, ch'ogni Dona
    Sia de bassa, o d'alta condizion,
    Per bel caprizio, oppur per ambizion,
    4Che 'l Duca Jorch no la tioga in Mona.

S'anca el fotter no fusse cosa bona
    Farla co un Duca l'è una bell'azion,
    E quella, che no incontra sta occasion,
    8Mi digo, che la xe una gran cogiona;

E quel, che stimo, ch'oltre esser fradello
    D'un Rè potente, el xe un Duca ragazzo,
    11Che ghe deve anca ben tirar l'Osello.

Dove porle trovar più bel solazzo?
    E dopo poder dir a questo, e a quello;
    14Son stà servìa d'un Prencipesco Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/54&oldid=60604"