Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Uso comun de itutti st soggetti;
    Cercar vorrìa un Marìo senza diffetti;
                18De quelli, che i cornetti

No varda aver, nè ghe ne dà una strazza;
    Come hà fatto 'l Marìo della Cavazza,
                21Che colla so Monazza

Sporca, e lorda, da tutti remenada
    Col Duca molto ben la l'hà cavada;
                24E tante, che d'intrada

Vive al presente al Mondo cognossue;
    Che paura no hà bù d'esser fottue,
                27E vù altre, come pue

Stè in Casa retirae? Senza giudizio!
    Corrè a farve chiavar a precipizio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/53&oldid=64622"