Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA VENUTA IN VENEZIA DEL DUCA DI JORCH.


SONETTO


Odoardo fradel del Rè di Inglesi
    Vien a Venezia con un gran cortegio
    Dopo aver visto Roma, Parma, e Regio;
    4Genoa, Turin, e altri bei paesi.

I Veneziani splendidi, e cortesi
    I ghe prepara un trattamento regio,
    E de vera amicizia i se fà pregio
    8Darghe i segni più vivi, e più palesi.

Per farghe feste, regata, e recreazion,
    Xe in motto, e in allegrìa ogni persona,
    11Solo i morosi xe in agitazion,

Savendo, che ghe piase assae la Dona,
    Pensa alla so morosa, e co rason,
    14De metterghe 'l lucchetto sulla Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/46&oldid=60596"