Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Ghè de quei, che se vanta, e fà schiamazzo,
    Che i gà bù una Regina per parente,
    Mi hò bù un'Imperatrice dell'Oriente,
    4Ma de st'onor no ghe ne penso un Cazzo.

La mia de più la gà fatto un ragazzo,
    Dal qual discende l'Ottomana zente,
    Gnanca de questo no ghe penso gnente,
    8Perchè un gusto el me par da visdecazzo.

Mi penso, che i Sultani sia all'oscuro,
    Ch'elli discende dalla mia casada,
    11Ma, ch'i lo sappia, gnente me n'incuro:

Mi poderave, è vero, far la strada,
    Ma come, che son vecchio, son seguro,
    14Che gnanca no i me dà 'na buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/45&oldid=60595"