Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/47

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RIFFLESSION CRITICA ALL'ANTESCRITTO SONETTO.


SONETTO


Xe da lodar in quel Sonetto assae
    La condotta, la frase, e la favella,
    Le rime, e ogn'altra cosa, eccetto quella,
    4De voler le morose inlucchettae.

El gran lucchetto hà d'esser l'onestae
    Zogia preziosa d'ogni Donna bella;
    E, se questa no fà la sentinella,
    8Tant'è lassar le porte sbalancae.

A cosa zova un tal passo ristretto
    A tegnir solo in stroppa la natura,
    11Se pò gh'impiro el cuor, la man, el petto?

Quando che 'l senso no gà più misura;
    La slarga, ve lo zuro, ogni lucchetto
    14A costo de sbregar la serradura.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/47&oldid=60597"