Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Chi leze della gran casa Ottomana
    I fatti scritti, ma da man sincera,
    Che una Baffa sia stada Gran Sultana,
    4Troverà quell'istoria, che xe vera.

La l'hà chiappada in Mar una Tartana
    De Zente la più indomita, e più fiera,
    Che se possa trovar sora la tera,
    8Zente, che a cazza và de carne umana.

La gà fatto in serragio gran fortuna,
    Perchè vìa d'ella la Real persona
    11Del Gran Signor no gà fottù gnessuna.

Mi, che parente son per vìa de Dona,
    No ve stupì, se porta ella la Luna,
    14Che per insegna mi porto la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/41&oldid=60592"