Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


UNA BAFFO DEVENTADA GRAN SULTANA.


SONETTO


Un della mia famegia per Levante
    Con so muggier insieme, e con so fìa
    Viazava in t'una nave in allegrìa
    4Per andar a Corfù Rappresentante,

Quando, che all'improvviso in un istante,
    I xe stai fatti schiavi, e menai vìa,
    La Mare, e 'l Pare è stai vendui in Turchìa,
    8E la putta donada a quel Regnante;

La xe stada in serragio da putella,
    Alfin del Gran Signor l'è stada Dona,
    11Perchè la giera estremamente bella;

L'è stada del so cuor sola parona:
    Bisogna dir, che quella gran Cappella
    14Andasse molto a nicchio in quella Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/40&oldid=70208"