Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/4

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


GUSTO DE MENARSE 'L CAZZO.


SONETTO


Voi dir in primo liogo del contento;
    Che se gà quando 'l Cazzo se se mena;
    Se chiava Mariettina, e Madalena,
    4E quante, che se vuol in t'un momento.

Dura, finchè volè, 'l divertimento,
    E quando, che se gà la borsa piena;
    El se fà con più voggia, e con più lena;
    8Perchè nol se fà mai per complimento.

Per tutti i versi l'è una cosa bona,
    Dei bezzi no se gà fuora da dar,
    11Nè se deventa matti per la Dona.

Che vaga donca a farse buzarar,
    Per quanto bella, che la sia la Dona;
    14Che mi l'Osel me voi sempre menar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/4&oldid=60590"