Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/5

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


LODA'L PRIMO, CHE S'HÀ MENÀ L'OSELLO.''


SONETTO


Sora de tutti voggio lodar quello,
    Che senza, che gnessun gabbia insegnà,
    Co una natural simplicità
    4Xe stà 'l primo, che s'hà menà l'Osello;

Che! Nol merita forse un Capitello?
    Altro, che chi la Bossola hà trovà!
    Le gran benedizion sò, che gò dà,
    8Me l'arrecordo, insina da puttello.

Podevelo pensar cosa più bona?
    Trovar una maniera da sborar
    11Senza aver de bisogno della Mona?

È vero che, cussì no se puol far
    Nè Santi, nè Dottori de Sorbona,
    14Ma gnanca se fà zente da piccar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/5&oldid=60600"