Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISOLUZION DELL'AUTORE.


SONETTO


Co una Donna me capita da niovo,
    Me par de no aver visto mai più Done,
    Che mi no gabbia mai più toccà Mone,
    4E addosso mi ghe salto, come un Lovo;

Checchè non è, de sotto mi ghe trovo
    Tutto quel, che gà l'altre buzarone,
    E resto, come fà quelle cogione,
    8Che alla gallina no ghe catta 'l vovo.

Vorrìa sempre trovar robba novella,
    O che la cerco, o la me vien proposta;
    11Ma sta vita la me svoda la scarsella;

M'hò risolto, che come la me costa,
    E che la Mona sempre la xe quella,
    14Ch'è meggio, che mel mena da mia posta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/30&oldid=60580"