Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NON INTENDE 'L GUSTO DEI LICCAMONE.


SONETTO


Mi studio tutti i gusti delle Done;
    Ma per quanto, che studia seriamente,
    Mai no posso capir colla mia mente,
    4Che gusto possa aver sti liccamone.

Voggio ben, che le sìa anca Zentildone,
    E che le gabbia fortunatamente
    Una Mona, che mai sappia da gnente;
    8Ste voggie no me vien cussì cogione;

Ma no ghè caso, mi no la capisso,
    Come che ghe sìa omeni, che metta
    11La lengua dove, che vien fora el pisso;

E de più, che i ghe cava la pezzetta,
    E dove, che 'l Marchese xe più fisso,
    14I ghe fazza la so bona suppetta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/31&oldid=60584"