Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER AVER VISTO CAGAR A BRAZZI.


SONETTO


Un gran gusto, che hò bù veder a brazzi
    A cagar una Donna in t'un'ortaggia,
    L'hà fatto una bellissima fortaggia
    4Co un Cul, che meritava cento Cazzi.

Co mi vedo a cagar sti gran Culazzi
    I baserave, come una medaggia,
    Diga pur chi no xe della mia Fraggia,
    8Che i xe gusti da porchi, e visdecazzi.

No sò che dir, veder un Culo grasso,
    Averto là in do tocchi, a buttar fuora
    11Un bel stronzon, e quella Mona abbasso,

El xe un gran colpo d'occhio, che innamora,
    Per Dìo, ve zuro, che hò bù tanto spasso,
    14Che sarìa là, se là cagasse ancora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/29&oldid=60575"