Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/295

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E se sconder me voggio in qualche buso,
    Alla Mona ghe dago drento ilerrata corrige originale muso;
                        18Se metto la man suso

Ancora sulla robba, che se magna,
    Fin se me cangia in Mona el pan de Spagna;
                        21Ma 'l mio cuor no se lagna,

Come fava quel Rè, che nol magnava,
    Perchè tutta la robba, che 'l toccava
                        24D'oro ghe deventava,

A mi la robba assae più me contenta
    Giusto, perchè una Mona la deventa,
                        27A mi de più la tenta,

E la m'eccita tanto l'appetito,
    Che la fà, che me piasa più 'l soffrito,
                        30La me move un prorito,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/295&oldid=64602"