Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/294

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALL'AUTORE TUTTO PAR MONA.


SONETTO


Quello, che vedo, odoro, gusto, e sento,
    Tutto Mona me par; se vardo 'l Cielo,
    E che contemplo quel, che ghè de belo,
    4Me deventa una Mona el Firmamento.

Se terra tocco, o l'acqua, o 'l fuogo o 'l vento,
    Me par toccar la Mona col so pelo,
    E se a sti corpi pensa el mio cervelo
    8Se me trasforma in Mona ogni elemento;

Se naso un'erba, un fior, un legno, un frutto,
    E quanto sà produr la terra, e 'l mar,
    11Sento l'odor de Mona da per tutto.

In somma, se mi voggio specular,
    Quanto in Natura ghè de bello, e brutto,
    Se me converte in Mona anca 'l pensar;
                        15No sò dove scampar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/294&oldid=60576"