Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/296

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che mi magno la cosa anche più abjetta,
    Co la gà della Mona la salsetta.
                        33Oh Mona benedetta!

El nettare dei Dei no vale un Cazzo
    Al bon gusto, che gà el to bruazzo;
                        36Ti è meggio del melazzo;

Altro, che san parel, e la melissa,
    Xe una Mona, co in bocca la ve pissa!
                        39In tel stomego fissa

Mi gò tanto la Mona, e in te la testa,
    Ch'altro, che Mona al Mondo no me resta;
                        42E, se mando alla presta

El mio pensier in qualche idea astrata,
    M'apparisce una Mona tanto fata.
                        45Cara Mona beata,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/296&oldid=64603"