Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/291

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Feve veder delle Chiese
    Qualche volta a visitar,
    E butteve zò destese
    32Pater nostri a mastegar.

Ogni Venere de Marzo
    Al perdon feve trovar,
    E quà in mezzo mina, e squarzo
    36Fè le tette bagolar.

Disè pur a sti viziai,
    Ch'avè 'l sabo in devozion
    De no farve fotter mai,
    40S'anca fusse 'l bell'Adon.

Co gavè 'l moroso in casa,
    Se qualcun mai vien da vù,
    Feghe dir con bella rasa,
    44L'è un cercante, che hà battù.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/291&oldid=64599"