Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/290

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Fè liscia dei boccassini,
    Ch'in sti zorni avè sporcà,
    Tralasse de far più nini,
    16Basta quei, ch'avè buttà.

Fè ai scolari sta sbarada,
    Che in sti dì ve retirè,
    Co no corre la mesada,
    20Sò, ch'in Culo li gavè;

E a quel Frate benedetto,
    Feghe dir, che 'l vaga in là,
    Che ve ne darà un brueteo,
    24Che pò ve despiaserà,

Perchè, a dirla colle bone,
    Par, che vù altre abbiè rason,
    Chi vuol Cazzo per le Mone
    28No se sparta dal cordon.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/290&oldid=64598"