Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/292

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Fè, che vegna la massera,
    Quando sè col paesan,
    A contar con mesta ciera,
    48Che no ghè nè vin, nè pan;

Con astuzia, e con inzegno,
    Acciò 'l gonzo casca zò,
    Disè pur, che gavè in pegno
    52O la Cottola, o 'l mantò.

Se a qualcuno de sti amanti
    Un regalo avè donà,
    Chiappè pur el tratto avanti,
    56E disè, che lù xe stà,

Se tocchè le brutte cosse
    A qualcun, che no ghe n'hà,
    Zurè pur, che le più grosse
    60Vù più mai gavè toccà;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/292&oldid=64600"