Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/284

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Per mì zà xe fenìo l'orbis terrarum,
    No ghè più caso, no ghè remission,
    Zà me ne vago per consumazion
    4Da questa nostra val de lacrimarum.

No ghè più famulorum, famularum,
    Ch'indur me possa adesso in tentazion,
    Son, come quel, ch'hà bù l'estrema unzion
    8Xe per andar in requiem animarum.

Al termine mi son del gaudeamus,
    Se hò fatto fin ancuò vita dulcedo,
    11Posso dir, che son zonto al suspiramus.

Zà, che da questa vita mi discedo
    A causa, perchè troppo fornicamus,
    14Dìo voggia, che de cuor mi diga'l Credo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/284&oldid=60569"