Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/285

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Padre, mi ve confesso 'l mio peccà,
    Hò fatto le gran buzare a sto Mondo,
    Più della Mona assae m'hà piasso el Tondo,
    4Ma le gran volte ancora mi hò chiavà;

Quando, che Dio de mi no gà pietà,
    Della terra precipito nel fondo,
    Perchè mi sò, ch'un peccator segondo
    8De mi sotto del Ciel no ghè mai stà.

Figureve, ch'hò fatto tutto quello,
    Che puol far chi no crede, che ghe sia
    11Altro ben, che 'l so ventre, e che 'l so Osello.

Da questo argomentè la vita mia,
    Fè vù la costruzion, ch'a mi 'l cervello
    14In cento mille buzare và vìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/285&oldid=60570"