Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/282

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIFICOLTÀ DE CANGIAR VITA.


SONETTO


Me vien voggia ogni tanto de menar
    Una vita più quieta, e più devota,
    Ma co mi penso, che ghe xe la Pota,
    4Sta voggia me và a farse buzarar.

M'anderave ogni tanto a confessar,
    Perchè anca vedo della zente dota,
    Ma come, che no i vuol, che più se fota,
    8Anca sto gusto in Culo i me fà andar.

In Chiesa mi starìa sera, e mattina,
    Perchè sò, ch'anca quello xe un bel spasso,
    11Se i me lassasse andar in Brombolina;

In summa lasserìa qualunque chiasso,
    E ancora mi farìa la disciplina,
    14Ma sto lassar la Mona el xe un gran passo!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/282&oldid=60567"