Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/280

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL VENERDÌ SANTO.


SONETTO


Un gran zorno, che xe Venere santo!
    Tutto spira tristezza, e tutto orror,
    Se leze in fazza ai Omeni el dolor,
    4No se sente, che un mesto, e flebil canto.

I relogi no sona più ogni tanto,
    Un silenzio ghe xe, che fà terror,
    E in ogni Chiesa ghè un Predicator,
    8Che fà la zente consumar in pianto.

La sera no ghe xe conversazion,
    Che le Donne coverte và per Piazza,
    11E i Omeni và tutti in prucission;

Ghè veramente un orrido, che mazza;
    Ma quel, che stimo, che per suggizion
    14Gnanca se fà chiavar la puttanazza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/280&oldid=60565"